Costruire un'economia salva vite, salva nazione, salva democrazia

Gli economisti della Modern Money Theory in Italia per formare il primo gruppo di attivisti della MMT contro lo scempio del Colpo di Stato Finanziario. Sono Paolo Barnard. Ho deciso che è assolutamente vitale chiamare in Italia il gruppo fondatore della MMT - Modern Money Theory per un summit di due giorni dedicato a chiunque sia intenzionato a divulgare la MMT come politica economica nazionale salva vite, salva nazione e salva democrazia.

Modern Money Theory -- presentazione dell'evento -- prima parte

PARTE PRIMA

Paolo Barnard presenta l'evento in preparazione, programmato a breve in Italia. Il summit di due giorni prevede l'intervento di importanti economisti internazionali esperti di Modern Money Theory e si pone quale obiettivo la formazione del primo gruppo di attivisti della MMT contro lo scempio del Colpo di Stato Finanziario. La MMT è oggi probabilmente l'unico strumento esistente di scienza economica e sociale che è in grado di sventare il colpo di Stato finanziario Neoclassico, Neomercantile e Neoliberista che, particolarmente nell'Europa dell'Eurozona, ha posto fine di fatto alla democrazia.

Modern Money Theory -- presentazione dell'evento -- seconda parte

PARTE SECONDA

Questo summit è importante per tutti noi, il colore politico non centra nulla, la teoria sulla moneta moderna deve diventare un patrimonio per tutti i cittadini italiani. Aderite numerosi c'è molto lavoro da fare sul tema, dateci dentro. E' in gioco il destino reale di milioni di famiglie, di centinaia di migliaia di aziende, e dell'Italia stessa nella sua esistenza democratica. L'urgenza è massima, l'Eurozona è al collasso, pochi immaginano oggi le tragiche conseguenze decennali di questo disastro criminoso.

Keynes; debito pubblico e autarchia...


 

Sovranità alimentare

Negli anni dell'autarchia l'obiettivo della sovranità alimentare assunse le forme retoriche e propagandistiche della battaglia del grano, ma fu efficace nella drastica riduzione delle importazioni. In pochissimo tempo l'Italia ridusse le importazioni dall'80 al 10%. L'obiettivo di soddisfare il fabbisogno interno di grano con la sola produzione nazionale richiese un intervento risoluto dello Stato che, dopo aver espropriato le terre dei latifondisti e recuperato nuove superfici agricole con opere di bonifica, con la costituzione dei Consorzi agrari mise l'agricoltura al riparo dalle speculazioni dei grandi distributori privati....

I reali motivi della crisi: finalmente qualche tv ne parla

Finalmente la verità in TV. Facciamo un monumento a Teletoscana Nord e torniamo in fretta alla Lira per il bene delle nostre tasche, e non quello delle banche che strozzano la gente che lavora e che risparmia con i sacrifici di una vita. Riconferiamo sovranità monetaria all'Italia e sovranità governativa al popolo che lavora e produce il benessere della nostra nazione...

TV tedesca mostra Il vero volto di Napolitano; intolleranza, arroganza e avarizia.

VIDEO CENSURATO DALLE TV ITALIANE.

Trasmissione tedesca mostra il vero volto di Napolitano; arroganza e avarizia. Colpisce il carattere violento,  intollerante e scortese che viene fuori quando lo toccano sui soldi e gli fanno domande scomode. Un Napolitano molto diverso dalle omelie untuose che siamo abituati a vedere nelle Tv italiane. Con questo video si conclama il falso buonismo comunista, i mestri del trasformismo che non incantano quasi più nessuno.

Senza tecnici, tasse e balzelli Madrid sconfigge lo spread

I tecnici non servono. Contano le idee. Non ci credete? Andate in Spagna e scoprirete che Mariano Rajoy, il leader del Partito Popular che ha ottenuto la maggioranza assoluta alle ultime elezioni anticipate, ha in mente una manovra «lacrime e sangue» ma senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Anzi, tagliando le tasse e snellendo la burocrazia. Insomma, quello che avrebbe dovuto fare il governo Monti.

Centro Studi Polaris: V° incontro nazionale


Il
2, 3 e 4 dicembre 2011 si è tenuto il quinto incontro nazionale del Centro Studi Polaris durante il quele è stata stilata la relazione sull'evoluzione del Centro Studi, sul ruolo riconosciuto che occupa oggi e sugli obiettivi da centrare nel 2012. Hanno fatto seguito relazioni sulla situazione internazionale e nazionale, con particolare attenzione alla crisi finanziaria.

Il premier Monti dichiari in pubblico di avere chiuso coi poteri forti

Per 18 anni il centro-sinistra ha messo in croce Silvio Berlusconi denunciando il conflitto d’interessi, salvo poi rivelarsi tutt’altro che interessato a dirimere questo conflitto perché sarebbe venuta meno la possibilità di identificarsi come «anti-Berlusconi», che è stato l’unico collante che ha consentito al centro-sinistra di restare unito. Nel caso di Mario Monti e del suo governo di banchieri e di tecnocrati il conflitto d’interesse è dirompente e pressoché generalizzato, eppure sembra che non scandalizzi più la nostra classe politica che ha scelto di auto-commissariarsi.

PENSARE IL DOPO MONTI

Il com­por­ta­mento delle forze poli­ti­che nell’era Monti era lar­ga­mente pre­ve­di­bile. Da un lato Lega e Idv hanno tro­vato più natu­rale e con­ve­niente porsi all’opposizione, dall’altro le forze che appog­giano l’attuale governo si limi­tano ad abba­iare, senza mordere. Dalle dimis­sioni di Ber­lu­sconi nulla è ancora mutato, ren­dendo impos­si­bile la via alle urne. Nes­suna forza poli­tica – nem­meno le attuali oppo­si­zioni – si pren­de­rebbe mai la respon­sa­bi­lità di far cadere Monti, espo­nendo ancor più l’Italia agli attac­chi dei mer­cati.

Ecco un'altra Casta, quella dei magistrati Quelle toghe che hanno il doppio stipendio

L’ennesimo attacco ai professionisti in toga del «doppio stipendio» rischia di fare flop. Cambiano i governi, ma la «casta» si tiene sempre stretti i suoi privilegi. Parliamo della schiera di magistrati, soprattutto amministrativi e contabili, ma anche ordinari o avvocati dello Stato, che occupano posti spesso di vertice in ministeri e authority, alla Consulta e al Csm, a Palazzo Chigi, nelle Regioni e negli enti locali, in organismi internazionali.

Manovra, esultano le banche: prelievo sui conti correnti dell’un per mille

Il governo dei banchieri entra dritto nelle case degli italiani ed ecco che arriva il tributo di aliquota intorno all’1 per mille che sarà direttamente agganciata al saldo del conto corrente. Tradotto vorrà dire: più alto è il saldo in banca e più sarà il tributo da pagare.

Ecco i parlamentari che si oppongono alla riduzione dello stipendio – Nomi e indirizzi mail

Si accende lo scontro sul decreto del governo che da gennaio taglia gli stipendi di deputati, senatori e di tutte le cariche elettive. Ma loro non ci stanno: “Decidiamo noi, lede l’autonomia del parlamento”. E bravi, l’autonomia del Parlamento: peccato che tutti gli altri provvedimenti del governo che colpiscono i cittadini li hanno accettati senza battere ciglio. Ma sul loro stipendio no, rivendicano l’autonomia del Parlamento.

Torna la censura sulla guerra Blackout sui soldati a Kabul

Con il nuovo governo riaffiora la vecchia «censura» sulla nostra guerra in Afghanistan? Speriamo di no, ma c’è stato qualche inciampo della prima ora sulle attività operative italiane nel Paese al crocevia dell’Asia. Anche i bollettini ufficiali della Difesa inviati a cadenza fissa ai giornalisti sono zeppi di notizie banali o alla camomilla. Sembra che l'iniziale blackout del nuovo governo tecnico sia dovuto a beghe fra generali, a tal punto che da Roma non era stato reso noto l'enorme mole di operazioni dei 4200 uomini schierati in Afghanistan.

A Natale regala made in Italy

Ergon:

  • vuole stimolare la società civile, ed i suoi delegati in parlamento, verso una concreta ri-valorizzazione dei prodotti nazionali, quale strumento per una sana ripresa economica a difesa dei posti di lavoro.
  • propone lo studio e la promulgazione di una legge che apponga un bollino speciale con la bandiera italiana sui prodotti nazionali, affinchè chi li produce (industrie e artigiani), li commercia (grossisti e negozianti) e li acquista (utenti finali) beneficino di specifici sgravi fiscali che li rendano economicamente competitivi con i prodotti esteri.

Vergognoso; Napolitano oggi è Presidente della Repubblica

Durante il processo Cusani, Bettino Craxi accusa l'allora Presidente della Camera Giorgio Napolitano di aver taciuto sul finanziamento illegale dell'Unione Sovietica verso il PCI.Negli anni '90, il dossier Mitrokhin ha confermato che solo negli anni 1971-1977 il PCI ricevette dall'Unione Sovietica 22 milioni di dollari. Non mi risulta che Napolitano abbia mai fatto ammenda per il suo silenzio. Quest'uomo silenzioso oggi è Presidente della Repubblica, rispettato da tutti (giustamente visto il ruolo che ricopre) e da alcuni addirittura osannato.

L’ammissione di D’Alema sull’origine del governo tecnico

Oggi Massimo D’Alema, in un’intervista alla Stampa a Riccardo Barenghi, si lascia sfuggire una frase interessante. Ricordate, no? Si diceva che la formazione del governo tecnico era inevitabile in quanto unico modo per placare i mercati, far respirare la nostra economica, far abbassare gli spread eccetera eccetera. D’Alema, tre settimane dopo la formazione del governo Monti, spiega invece con parole piuttosto chiare perché quella del governo Monti è stata prima di tutto una “positiva operazione politica”. Leggere per credere.

Anche l'Europa lo dice; "i giudici italiani sono impuniti"

La Corte di giustizia del Lussemburgo, come ci segnala l’ottimo Morigi su Libero, ha giudicato «contraria al diritto dell’Unione» la limitazione, prevista dalla legge italiana, della responsabilità civile dei magistrati. La Commissione giustizia dell’Unione europea aveva infatti sollevato il dubbio che l’Italia limitasse la responsabilità civile dei giudici solo ai casi di colpa grave

Se Berlusconi avesse fatto questa manovra ci sarebbe stata la guerra civile

Berlusconi presenta alle Camere la sua manovra: aumento dell’Iva, reintroduzione dell’Ici, misure durissime sulle pensioni, patrimoniale sulla casa, aumento di bolli e accise, una botta da quasi 700 euro per ogni famiglia italiana. Immediati gli scontri di piazza, in tutte le città italiane i partiti di sinistra e i sindacati organizzano manifestazioni che sfociano rapidamente in violenze.

Il proletario; a noi chiede sacrifici, ma lui al Quirinale ci costa quattro volte Buckingham Palace

In Italia abbiamo un record: quello della presidenza della Repubblica più costosa al mondo. Il Quirinale, infatti, grava sulle tasche dei contribuenti per più di 200 milioni di euro all’anno, ossia quattro volte Buckingham Palace, solo per fare un esempio eclatante. Il doppio dell’Eliseo francese e ben otto volte il cancellierato tedesco.

Italia terra del bengodi; le pensioni regalate agli immigrati.

In questo periodo in cui si chiedono sacrifici agli italiani; uno scandalo poco considerato che fa raddoppiare l’indignazione. In Italia moltissimi immigrati, senza aver mai versato contributi, incassano 7.156 euro l’anno. Come fanno? Gli extracomunitari con carta di soggiorno fanno arrivare in città i genitori over 65 che all’Inps chiedono il vitalizio. Tredici mensilità da 550,5 euro e via. Tutto gratis a spese del contribuente.

Chi crea e chi distrugge

Monti oggi ha detto: "stiamo mettendo a rischio 60 anni di benessere". Ha errato solo in un termine: non stanno mettendo a rischio il benessere degli italiani: lo hanno proprio cancellato!
In questi 60 anni il paese è rimasto ai vertici del mondo grazie all'innovazione, alle riforme, alle infrastrutture, ai progetti messi in piedi in appena venti anni.

Punto per punto ecco cosa prevede la manovra Monti

Il governo Monti ha partorito la manovra economica. L'obiettivo è aggiustare i conti, nel rispetto degli impegni presi con l'Europa, e stimolare la crescita per uscire, al più presto, dalla stagnazione. La ricetta del governo, presentata ieri dal presidente del Consiglio e dai ministri, prevede una correzione dei conti pari a circa 20 miliardi di euro netti, per il triennio 2012-2014.

Vogliono comprare l'Italia

Dal cilindro della finanza internazionale spunta un maxi prestito di 600 miliardi per l’Italia. Non vorremmo alzarci una mattina e trovarla cancellata, la democrazia, a favore di Stati esteri od organizzazioni sovrannazionali. Se Germania e Francia pensano di risolvere i loro problemi annettendo o svendendo l’Italia, più che una elezione servirà una rivoluzione.

Altri articoli...

  1. Io ve l'avevo detto: l'Euro ormai è fallitto
  2. Clini sbugiarda De Magistris: l'esercito a Napoli per i rifiuti Dov'è finito il miracolo laico?
  3. Il vecchio e il nuovo; due generazioni stesso cuore
  4. Il ritorno della lira puo' farci uscire dalla crisi economica
  5. Concita svela l'asse Fini-Pd
  6. Le grandi banche preparano l'uscita dall'euro
  7. Democrazia dei badanti: colonizzati da tecnocrati
  8. Boom della bolletta In Italia mai stata così cara: sale del 26,5% in dodici mesi
  9. Monti: intervento shock - cedere la sovranità!
  10. LA BANCA SENZA INTERESSI - Jak Bank
  11. CENSURATO DA TUTTE LE TV ITALIANE !
  12. Il Paese mormorò: facci del male
  13. Quando la democrazia si arrende alle Borse
  14. E ora andiamo al vuoto anticipato...
  15. Tutto questo casino per cosa Per consegnare l'Italia alle banche.
  16. 13 proposte concrete...
  17. Sequestrata e stuprata: quattro in manette
  18. Picchiata e stuprata sulla spiaggia da un profugo africano
  19. Bersani: trasferire il debito pubblico ai privati...
  20. Bossi annuncia: ...TFR in busta paga
  21. Montezemolo: tassare il risparmio delle famiglie...
  22. Democrazia? Bastonare il Popolo!
  23. Svelati i prezzi del menu dei parlamentari...
  24. ISLANDA: rivoluzione censurata...
  25. Alterazione del sistema nervoso tramite PC e TV...
  26. Pesca: 2.1 milioni di tonnellate di merluzzo buttate via
  27. I GAV gruppi avvenire vivibile...
  28. Pieni di additivi e sostanze ignote. E ha rimetterci è la salute di chi mangia!
  29. I padroni del mare il business degli importatori...
  30. Il bluff del pesce...
  31. Super assegno dopo 5 anni
  32. La casta italiana è la più cara
  33. Lo sforzo d'essere vivo...
  34. Affondiamo con l'economia...
  35. L'Ordine della Vita...
  36. I Segreti della casta...
  37. Mandiamoli a casa! Bisogna indicare una data...
  38. L'educazione emotiva
  39. Stipendio dei Parlamentari
Copyright 2011. Joomla 1.7 templates.